loading

Rüsselsheim.  Opel accoglie con favore i chiarimenti giunti con il rapporto del governo tedesco. Il rapporto conferma che i veicoli della nostra Casa che sono stati esaminati non sono dotati di alcun sistema in grado di riconoscere se un veicolo viene sottoposto a un test sulle emissioni. Questo risultato è confermato anche da rapporto pubblicato ieri dal governo britannico. 

 

Ciò corrisponde alle nostre attese. Abbiamo sempre sostenuto che sulle vetture Opel non è montato alcun dispositivo in grado di riconoscere se un veicolo viene sottoposto a un test sulle emissioni. Il nostro software non è mai stato configurato in modo da ingannare o da mentire. Noi rispettiamo gli standard vigenti sulle emissioni.

 

I due rapporti indicano l'esistenza di differenze, già note e ben conosciute, tra le prestazioni dei veicoli negli attuali test sulle emissioni condotti in laboratorio, che devono essere riformati con urgenza, e nel traffico reale. Con l'introduzione dei test RDE (Real Driving Emissions) a partire dal prossimo anno si inizieranno ad affrontare queste differenze, sebbene i legislatori debbano ancora lavorare per definire le condizioni al contorno della prova, fondamentali in questo tipo di test. 

 

Opel partecipa attivamente al dibattito. Crediamo fermamente che l'intero settore debba riconquistare la fiducia aumentando la trasparenza nei confronti dei clienti e delle autorità; e abbiamo compiuto dei passi decisivi in questa direzione già lo scorso anno. 

 

Come abbiamo annunciato il 15 dicembre 2015 e come abbiamo spiegato più in dettaglio il 29 marzo 2016, a partire dal mese di agosto Opel adotterà un’iniziativa per incrementare l’efficienza delle applicazioni del sistema SCR (Selective Catalytic Reduction) montate nei motori diesel dei nuovi veicoli per ridurre le emissioni di NOx. Dal mese di giugno del 2016 partirà inoltre una campagna volontaria di customer satisfaction che riguarderà i veicoli Euro 6 SCR che sono già in circolazione in Europa. Si tratta di un miglioramento volontario che va nella direzione della legislazione RDE. La nostra campagna volontaria è stata concordata con il Kraftfahrt-Bundesamt (KBA) tedesco.