loading
  • Da una ricerca[1] su oltre 900 genitori emerge il loro timore più diffuso: che il bimbo in auto resti senza contatto o supporto in caso di incidente o malore dell’adulto.
  • Ancora molti gli incidenti stradali con conseguenze anche gravi causate da comportamenti errati o mancato rispetto delle regole: il 22% dei bambini nella fascia d’età 0-6 anni viaggia in auto senza dispositivi di sicurezza o con un utilizzo errato degli stessi (2)
  • Opel OnStar, il nuovo riferimento per la connettività e la sicurezza in auto, attiva la connessione automatica con un operatore in caso di emergenza.

 

Quali sono i timori più grandi di un adulto quando trasporta un bimbo in auto? Da un recente ricerca (1) emerge che il primo timore in assoluto è che il bambino rimanga senza alcun contatto o supporto in caso di malore dell’adulto (60,2%) e, a seguire, che il piccolo non sia in grado di sganciarsi in caso di pericolo o di avvenuto incidente (53,4%). Sono le situazioni d’emergenza, dunque, a preoccupare gli adulti che trasportano bambini in auto, quelle che possono presentarsi a prescindere dal rispetto delle regole e dall’attuazione dei comportamenti adeguati, come la scelta del giusto sistema di ritenzione e il suo corretto utilizzo. Eppure ancora tanti, troppi, sono gli incidenti in cui i bambini rimangono coinvolti con conseguenze anche molto gravi: nel 2014 sono stati 5.073 i bambini di età fino a 9 anni di età rimasti feriti in un incidente stradale e 25 i deceduti, con un aumento di oltre il 6% dal 2012 (Fonte: dati ACI-Istat).

 

 E il 22% dei bambini nella fascia d’età 0-6 anni viaggia in auto senza dispositivi di sicurezza o con un utilizzo errato degli stessi[2]. Nel 2015 l’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze ha accolto in pronto soccorso 1043 casi di incidenti stradali di cui 916 nella fascia 2-12 anni. I danni più frequenti: 105 casi di politraumi, 501 casi di danni ad arti inferiori o superiori, 184 casi di trauma cranico. Se ne è discusso nel corso del workshop “Dalla cintura di sicurezza ai nuovi sistemi di connettività, la tecnologia che protegge i bambini durante la guida” organizzato da Opel in collaborazione con ACI e l’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze in occasione di Mammacheblog! 2016.

 

L’incontro ha affrontato temi diversi, ma tutti inerenti la sicurezza dei bambini quando si parla di auto ed essi sono sia soggetti passivi, nelle fasce d’età più basse, che attivi, con riguardo a bambini in età scolare. Tutti possono trovarsi, per qualsivoglia motivo, costretti ad affrontare situazioni di emergenza in cui l’adulto di riferimento è impossibilitato a intervenire.

 

Proprio pensando a questo tipo di evento Opel vuole invitare i genitori ad insegnare ai bambini come chiamare i soccorsi e segnalare la situazione attraverso un sistema semplice e intuitivo come Opel OnStar, se mai dovesse capitargli di restare in auto da solo o con il genitore non in grado di aiutarlo, per un malore o per le conseguenze di un incidente. E i dati della succitata survey sembrano confermare questa necessità: il 92,8% dei rispondenti auspica infatti di avere a bordo dell’auto un dispositivo che consenta di chiedere assistenza in modo facile e immediato.


Opel OnStar: un angelo custode sempre a bordo

 

In situazioni come quelle descritte può essere difficile già per un adulto mantenere la calma, a maggior ragione lo è per un bambino. E’ necessario dunque poter contare su soluzioni semplici, a misura di bimbo, che consentano un’attivazione immediata ed efficace. Opel OnStar è il nuovo servizio di connettività e assistenza personale progettato e implementato da Opel su tutti i modelli delle sue auto. I pulsanti di attivazione (blu) e per la chiamata di emergenza (rosso) sono facilmente distinguibili da un bambino e sono collocati nella console centrale o, in alcuni modelli, sullo specchietto retrovisore interno.


Pronti a salvare vite 24 ore su 24

 

Opel OnStar è utile in caso di emergenza, che riguardi se stessi o altri utenti della strada, una caratteristica che rende questo rivoluzionario sistema un angelo custode sempre presente e pronto a salvare vite. Se viene attivato un airbag, Opel OnStar viene allertato automaticamente. Un consulente (una persona in carne e ossa e non un computer) contatta il veicolo, nella lingua del guidatore, per capire se è necessario aiuto. In assenza di risposta, Opel OnStar localizza il veicolo attraverso il GPS e una squadra di emergenza viene immediatamente inviata nel luogo preciso dove si trova il veicolo. I consulenti OnStar si trovano presso il centro servizi hi-tech Opel OnStar di Luton in Inghilterra e sono disponibili 24 ore su 24, 365 giorni all’anno. Una volta contattato il centro servizi, l’operatore resta in linea fino a quando la squadra di assistenza giunge sul luogo dell’incidente. I pulsanti Opel OnStar sono collocati nella console centrale o, in alcuni modelli, sullo specchietto retrovisore interno. Il sistema offre inoltre servizi di assistenza stradale.


Connessione in remoto con Opel OnStar – l’App per smartphone

 

Chi possiede uno smartphone potrà collegarsi al proprio veicolo in remoto con una app per smartphone che permetterà di:

 

  • Contattare OnStar da qualsiasi luogo
  • Visualizzare importanti dati relativi al veicolo come la vita utile residua dell’olio motore o la pressione pneumatici
  • Bloccare o sbloccare le portiere in remoto
  • Localizzare la vettura online
  • Attivare clacson e luci in remoto
  • Inviare indicazioni stradali al navigatore della vettura
  • Gestire facilmente le impostazioni dell’hotspot Wi-Fi del veicolo (disponibile in Italia da fine 2016)


Recuperare il veicolo con la massima rapidità

 

Opel OnStar è anche in grado di fornire assistenza al proprietario e alle forze dell’ordine in caso di furto del veicolo. L’assistenza per furto veicolo consente a Opel OnStar di collaborare con le autorità per recuperare la vettura nel modo più rapido e sicuro possibile, facendola tornare nelle mani del proprietario. Il blocco dell’accensione permette a Opel OnStar di inviare un segnale in remoto al veicolo e bloccare l’avviamento del motore dopo la denuncia di furto.


Sempre aggiornati con la diagnostica mensile

 

Opel OnStar è in grado di inviare ai propri abbonati anche una email mensile contenente la diagnostica del veicolo, con i dati e le informazioni più importanti relative alla vettura. E’ inoltre possibile chiedere una verifica diagnostica in qualsiasi momento semplicemente premendo un pulsante, per esempio prima di partire per un lungo viaggio, in modo da muoversi con la massima tranquillità.


OnStar in cifre

 

I servizi in connessione OnStar sono offerti in Nord America già dal 1996 e vengono utilizzati da più di 7 milioni di clienti negli Stati Uniti, in Canada, Cina e Messico. OnStar ha superato 1 miliardo di richieste dai clienti nel mondo, che contattano il servizio via telefono, app mobile o il servizio cellulare inserito sui loro veicoli. In sintesi:

 

  • 5,5 milioni di servizi di emergenza forniti
  • 156 milioni di richieste dalla app mobile
  • Più di 3,9 milioni di interventi di Soccorso Stradale
  • Inviati più di 390 milioni di rapporti sulla Diagnostica del Veicolo


I video Opel OnStar su YouTube:

 

§  Opel OnStar: App per Smartphone
http://youtu.be/WT6mbrFR2fE

 

§  Opel OnStar: Assistenza per furto veicolo
https://youtu.be/IH32zxW4_AA

 

§  Opel OnStar: Risposta automatica in caso di emergenza
http://youtu.be/_722F5Fhg3A

 

§  Opel OnStar: Servizio chiamata di emergenza 24 ore su 24
http://youtu.be/icRNGES4fvE

 

§  Opel OnStar: Soccorso stradale
http://youtu.be/nvMystbJt3E

 

§  Opel OnStar: Indicazioni stradali
http://youtu.be/Iq8RIQAqEtA

 

§  Opel OnStar: Diagnostica del veicolo
http://youtu.be/x26vScS4LuM 

 

[1] Ricerca condotta ad aprile 2016 da FattoreMamma in collaborazione con Opel attraverso la piattaforma Survey Monkey sul tema “Sicurezza e auto”. Numero rispondenti 937.

[2] Fonte Istituto Superiore di Sanità Sistema Passi – Periodo 2011-2014